Home » Informazioni sull'intolleranza al lattosio » Le 8 cose che ti sei sempre domandato sull’intolleranza al lattosio

Le 8 cose che ti sei sempre domandato sull’intolleranza al lattosio

Le 8 cose che ti sei sempre domandato sull’intolleranza al lattosio
Vota questo post!

D: La coca cola e la pepsi contengono lattosio?

R: Questo è incorretto, come abbiamo già ampiamente affrontato in questo articolo, la coca cola e la pepsi di base non contengono lattosio, ma contengono coloranti ed altre sostanze che potrebbero causare problemi come l’ E951 (aspartame) e l’E952 (sodio ciclamato), specie nei soggetti più sensibili o che presentano intestini alterati (per approfondimenti rimandiamo all’articolo)

D: L’intolleranza al lattosio causa la depressione?

R: Al momento non ci sono prove o controprove che indicano una correlazione tra intolleranza al lattosio e depressione, tuttavia circa il 75% dei soggetti che soffrono di intolleranza al lattosio soffrono di malassorbimento del fruttosio e quest’ultima potrebbe essere correlata all’insorgenza della depressione se non adeguatamente trattata

D: Se soffro di intolleranza al lattosio è vero che non posso mangiare più qualsiasi derivato del latte?

R: Questo non è corretto in quanto non tutti i cibi contengono quantità di lattosio così elevate da causare problemi dopo l’ingestione. Inoltre ci sono degli integratori di lattasi grazie ai quali è possibile mangiare qualsiasi alimento contente lattosio, tuttavia molti medici ne sconsigliano l’uso frequente/giornaliero. Insomma…ogni tanto toglietevi lo sfizio se poi non state troppo male…

D: Se hai l’intolleranza al lattosio allora soffrirò di osteoporosi?

R: Ci sono diversi progetti di ricerca in merito a questa tematica e a quanto pare è più probabile che un soggetto affetto da sola intolleranza al lattosio abbia più probabilità di soffrire di osteoporosi, mentre coloro i quali presentano più tipi di intolleranza alimentare hanno le stesse probabilità di tutte le altre. Il consiglio è sempre quello di avere una dieta varia e che comprenda ogni cibo in modo tale da sopperire alla mancanza di calcio apportato da latte e derivati con altri prodotti. Inoltre facciamo notare che in ogni caso siamo sempre nel campo delle probabilità, tuttavia il consiglio della dieta varia ed equilibrata rimane sempre valido

D: Gli asiatici possono tollerare il latte?

R: In Asia una percentuale di popolazione che oscilla dall’87% al 98% presentano un’intolleranza di primo livello, chiaramente questa percentuale dipende da molteplici  fattori quali gli usi e costumi della zona di residenza

D: Posso bere latte pecora o latte di capra anziché il latte di mucca?

R: No, assolutamente no in quanto la quantità di lattosio presente in altri tipi di latte è esattamente la stessa di quella presente nel latte di mucca

D: Si può guarire dall’intolleranza al lattosio?

R: La risposta è NI, in quanto dipende dal tipo di intolleranza al lattosio che ha un determinato soggetto. Ad esempio quella di secondo tipo, la quale può essere stata causata da un danno intestinale causato da antibiotici può spesso essere reversibile. Invece se è un’intolleranza di tipo primario, ovvero causata da una mutazione genetica, purtroppo, non esiste alcun tipo di cura.

D: Il cibo cinese è privo di lattosio?

R: La maggior parte del cibo cinese non contiene latte o derivati a meno che tu non ordini un dessert o una crema, quindi le possibilità di avere un pasto senza lattosio sono davvero davvero molto elevate. In ogni caso la regola di chiedere al cuoco vale sempre anche in questo contesto…non si sa mai…

Commenti

commenti

Autore: Giovanni D'Addabbo

L'intolleranza al lattosio scorre potente in me...purtroppo, ma dopo anni ho imparato a conviverci. Attualmente mi occupo di sviluppo app per smartphone (Android, iOs, Win Phone) con Rhubbit, azienda che ho fondato nel 2014. Nel mio (poco) tempo libero amo giocare a tennis o nuotare, oppure se possibile, giocare di ruolo e da tavolo.

Potresti essere interessato a...

Cosa è l’intolleranza al lattosio?

L'intolleranza al lattosio è l'incapacità di digerire il lattosio, il principale zucchero contenuto nel latte.

Lascia un commento